Pensionati dell´Unione Agricoltori

L´Associazione Pensionati dell´Unione Agricoltori e Coltivatori diretti Sudtirolesi (SV im SBB) s’impegna per gli interessi e le richieste delle persone più anziane nell´agricoltura, in prima linea delle contadine e contadini. L´unione fu fondata ufficialmente nel 1989 a Bolzano principalmente per iniziativa dell´allora direttore del SBB Berthold Pohl. Per costruzione l´Associazione Pensionati dell´Unione Agricoltori e Coltivatori diretti Sudtirolesi eguaglia il SBB e le altre organizzazione contadine: al momento dispone di cinque comitati per comprensorio (Bolzano/ Bassa Atesina, Burgraviato, Val Venosta, Valle Isarco/ Alta Valle Isarco, Val Pusteria) e 58 gruppi locali, che devono organizzare durante l´anno almeno quattro attività.

Il più importante organo dell’Associazione Pensionati dell´Unione Agricoltori e Coltivatori diretti Sudtirolesi è l´assemblea generale provinciale, subito seguito dal comitato provinciale. Quest´ultimo riunisce sullo stesso tavolo il presidente regionale Gottfreid Oberstaller, i suoi due rappresentanti Theresia Agreiter Larcher e Johann Weissensteiner, i presidenti dei vari comprensori e un rappresentante di ogni altra organizzazione contadina.

Inoltre, prendono parte ai lavori gli ex presidenti dell´associazione pensionati Maria Bertolini Koppelstätter e Johann Messner mentre il direttore del patronato ENAPA del SBB Maximilian Thurner e l´ex consigliere provinciale Sepp Mayr partecipano come membri consiglieri.

Per difendere al meglio gli interessi dei pensionati, l´Associazione Pensionati dell´Unione Agricoltori e Coltivatori diretti Sudtirolesi aderisce tra l´altro al consiglio provinciale, comprensoriale e locale degli agricoltori, al comitato anziani SVP, all´organizzazione statale agricoltori pensionati Federpensionati Coldiretti e all´organizzazione europea per pensionati agricoltori CERA.

L´Associazione Pensionati dell´Unione Agricoltori e Coltivatori diretti Sudtirolesi conta oggi 13.000 membri in tutto il Sudtirolo, divisi in membri ordinari e onorari, e può quindi essere definita l´associazione più forte a livello senior. Tutti i possessori di una pensione con una rispettiva trattenuta di quota sindacale possono diventare soci ordinati. Allo stesso modo, possono diventare membri onorari tutte le persone naturali o giuridiche che si riconoscano negli obiettivi e nei compiti dell´Associazione. Ogni membro riceve tre volte l’anno il giornale dell´associazione „Seniorenbote“ che contiene articoli sulla salute e l´alimentazione in età più avanzata e riporta le attività svolte a livello provinciale, comprensoriale e locale.